Tuscania non si Tocca!

Tuscania non si Tocca!

Nessuno può pensare sia giusto trasformare un territorio così bello e con tale potenziale agricolo e turistico, in una zona industriale destinata alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Ci sono alternative possibili per sviluppare una politica...

Quel che Resta…

Quel che Resta…

Il Comune di Tuscania avendo scelto di seguire la via delle rinnovabili speculative come Tessennano, Arlena di Castro e Piansano, ormai della Tuscia rimane quel che si trova tra la valle del Marta e la Tolfa. Gli elementi tra Gradoli, Grotte di Castro  Bolsena e...

Il video di presentazione dell’Ecomuseo della Valle del Mignone e della Farnsiana finalemente online. Un progetto di Italia Nostra Sezione Etruria e del Comitato per il diritto alla mobilità di Tarquinia appoggiato da Lipu, WWF, Forum Ambientalista e del GRIG. Un progetto che ha sucitato l’interesse di vari sindaci dell Provincia.

Quanto è bella e buona la Tuscia… Ma per quanto tempo?

Quanto è bella e buona la Tuscia… Ma per quanto tempo?

To be capra or not to be capra! That is the question. Tuscia wake up. Svegliati che domani sarai un luogo schifoso e invivibile, soggetto di interessi particolari, soggetto delle multinazionali e dell'economia dello stupro ambientale. Sarai una zona di sprawl...

La Zona Sacrificabile di Tuscania

Fotografie della zona del Comune di Tuscania (e zone limitrofe) che è stata sacrificata alla produzione di energia da fonti dette “rinnovabili”. Il territorio rurale di un eccezionale bellezza e rilevanza storica della Tuscia si vede ridotto ogni anno, e fagocitato dalle attività di consumo di suolo – dalle grandi opere agli impianti di produzione energetica o ai capannoni fantasma.

Energy Sprawl – l’inizio!

Tuscania ha deciso di diventare l'attore principale della mutazione della Tuscia in una zona di sprawl energetico. Certo, alcuni diranno chi se ne frega del paesaggio e...

Il megaimpianto di Pian di Vico va avanti.

Nonostante il parere negativo da parte dell’ente preposto a tutelare il paesaggio e il patrimonio storico culturale Italiano, la regione da la su approvazione al megaimpianto di 250ha (circa) di fotovoltaico a terra a Pian di Vico. Che tristezza. Mangeremo grano...

Più che mai il paesaggio della Tuscia a Rischio!

Nonostante il parere negativo da parte dell'ente preposto a tutelare il paesaggio e il patrimonio storico culturale Italiano, la regione da la su approvazione al megaimpianto di 250ha (circa) di fotovoltaico a terra a Pian di Vico. Che tristezza. Mangeremo grano...

Collina

La zona sacrificabile alla produzione di energia da fonti rinnovabili. Una zona del tutto sconosciuta ormai sotto la luce dei proiettori.

Pian di Vico – Sensazioni Rurali

Quando avranno trasformato gli ultimi grandi spazi rurali d'Italia in una zona di energy sprawl, rimarrà l'energia per i cellulari e tutta l'oggettistica importata dalla cina... e la Nutella. Poi il grano lo prenderemo dall'Est visto che quello al Glifosato dal Canada...

Verso Sud

L'area del comune di Tuscania a Nord della SP4 riserva tante sorprese...

Torre di Arunte – paesaggi medievali della Tuscia

Torre di Arunte e Monte Canino. Purtroppo I 20 o 30 km di paesaggi rurali incontaminati potrebbero diventare una distesa di pannelli fotovoltaici o altri mezzi di produzione di energia da fonti rinnovabili. Qui in mezzo alla foto è previsto il mega impianto di...

Tuscania non si Tocca!

Nessuno può pensare sia giusto trasformare un territorio così bello e con tale potenziale agricolo e turistico, in una zona industriale destinata alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Ci sono alternative possibili per sviluppare una politica...

I Casali Intorno a Pian di Vico e al Megaimpianto Fv a Terra Previsto

I casali intorno a Pian di Vico dove è progettato il megaimpianto di fotovoltaico a terra sono di uno charme particolare, stoici nel paesaggio.
Poche Parole Bastano

Poche Parole Bastano

Salvatore Settis, archeologo e storico dell'arte italiano, Dal 1999 al 2010 è stato direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha scritto diverse opere. Si dice a volte "un immagine vale più di un grande discorso". In questo caso direi: qualche parole scritte...

Tolfa Magic

Venerdi 17 a Tarquinia, incontro sul tema della superstrada nella valle del Mignone! http://www.italianostra.org/?p=55092  

Inquadratura

Il mare...

La valle del Mignone – Rara Bellezza IV

Per molto tempo la valle del Mignone, la Farnesiana e i Monti della Tolfa nonché le zone rurali adiacenti sono stati sottovalutati da un punto di vista del potenziale socio-economico e turistico - parliamo di un turismo di nicchia sostenibile e non dei branchi delle...

Monti della Tolfa

Il paesaggio neolitico di Luni sul Mignone, dal terrazzo dei Tre Erici

Valle del Mignone

La valle del Mignone e la Tolfa - un patrimonio da salvare dal progetto dell'autostrada SS675 che invece di passare nella valle del Mignone potrebbe passare sul percorso della Aurelia Bis come era inizialmente previsto dalla ANAS. Firma la Petizione...

Monti della Tolfa! Incontro con Rota

Arrivare sul borgo di Rota dalle colline tolfetane è sempre un piacere.

Dai Cimini ai Monti della Tolfa

I noccioleti come ci piacciono. Piccoli, immersi nella foresta e nel paesaggio - magari biologici, Coloro che sono "contro" l'espansione artificiale della cultura della nocciola nella Tuscia non sono come alcuni vorrebbero fare credere dei anti-tutto rompi-tutto,...

La Farnesiana

I Monti della Tolfa e La Farnesiana.

Ogni albero è unico. Esseri vivi lottando per sopravvivere e crescere nel mondo reale. Ferite, insetti, funghi, siccità, freddo,… L’albero sviluppa diverse strategie per sopravvivere all’avversità, per riprodursi, per crescere. E facile per chi non è mai stato nella chioma di una albero monumentale non rendersi conto della natura vivente dell’albero, ma guardare o toccare un albero tenendo in mente che l’essere è vivo è un altra sensazione.

Le querce di Bassano

Le querce di Bassano

Tra la via Cassia e Bassano Romano le querce a carattere monumentale sono frequenti. Lo sprawl è decisamente presente ma le finestre di paesaggio rimaste tra elementi di sprawl suggeriscono un paesaggio di una rara bellezza ormai sacrificato alla pigrizia...

Albero Camporile per 2100?

Albero Camporile per 2100?

Tra una ottantina di anni, verso l'anno 2100, se nessuno taglia la pianta e la uccide, questa piccola quercia potrà diventare una...

L’unico motivo valido per capitozzare un albero è se a qualcuno piace vedere degli alberi che assomigliano a dei spaventapasseri.
Capitozzatura 11 – Alberi Mutilati

Capitozzatura 11 – Alberi Mutilati

Capranica. Degustbus ma non solo. Molti di questi alberi adulti decapitati o subendo tagli troppo grossi (senza parlare dell'eresia dei monconi) si amalano e su un periodo che piò andare da uno a dieci anni (a grandi linee) diventano dei morti vivi e sono da abattere....

Castel d’Asso

9. Castel d'Asso Necropoli rupestre ed insediamento Etrusco con Torre medievale. Difficoltà bassa. 45 min la necropoli - 3 ore con visita torre medievale. Vai alla pagina di Castel...

Una scelta dei siti archeologici più scenici e naturali della Provincia

Poggio Giudio

Siamo a due passi da porta Porta Faul. È il punto più basso della città consequenza dell'erosione del fiume Urcionio. Un torrente che passa sotto la città di Viterbo, ricoperto per 1500 metri ca. da quasi un secolo. Nasce con il nome di fosso Luparo alle pendici del...

Acqua Rossa

Qui, nelle sale e nelle vie di accesso che percorrevano la città Etrusca di Acqua Rossa, usavano le fibule. Intorno all'edificio comunale – principale struttura visitabile sul sito –, le donne e gli uomini utilizzavano queste tipiche spille di bronzo o ferro, a volte...

Piramide di Bomarzo

Ottobre 2009, un autunno asciutto e freddo rende la foresta particolarmente colorata e le permette di conservare il suo mantello di foglie. Una caratteristica che segna tutta la provincia ed ogni angolo di bosco appare splendente. In questa mattina silenziosa, dallo...

Una scelta dei monumenti e paesi più belli della Provincia

Viterbo – Città Papale

Via Ottusa nel quartiere medievale di San Pellegrino, è sicuramente uno dei vicoli più suggestivi d'Italia. Come via San Pellegrino, il ponte del paradosso, o altri vicoli che scendono verso la valle, di notte l'illuminazione curata la rende magica e trasporta il...

Una scelta dei paesaggi più scenici e naturali della Provincia

Trasversale Orte-Civitavecchia nella Valle del Mignone!? Uno Scempio Inutile!

Alla fine, riguardo al dibattito sulla superstrada Orte-Civitavecchia, tutti la pensano nello stesso modo! Vogliono tutti il miglioramento della mobilità locale e regionale – poi alcuni sognano di grandi opere per trasportare prodotti importati da Est a Ovest! Ma tra...

Tuscia: terra di grano

Un oceano di luce, una superficie colore oro che ondula leggeremente nella brezza dell'alba; i campi di grano, di farro e di orzo della Tuscia sono una delizia per gli occhi... Parole alle immagini...          ...

Castel d’Asso

9. Castel d'Asso Necropoli rupestre ed insediamento Etrusco con Torre medievale. Difficoltà bassa. 45 min la necropoli - 3 ore con visita torre medievale. Vai alla pagina di Castel...